Taralli friabili con Uvetta e Cipolla – Casedda a Cummersa

CERCA PRODOTTO
 

Taralli friabili con Uvetta e Cipolla – Casedda a Cummersa

I Taralli con Uvetta e Cipolla nascono dall’amore per la tradizione pugliese, secondo un’antica ricetta senza coloranti e conservanti. Sono anelli croccanti composti da un impasto base fatto da ingredienti semplici: farina, olio, sale e vino. Racchiudono nell’impasto il gusto deciso della cipolla e quello dolce dell’uvetta, che danno un sapore agrodolce a questi taralli.

VENDITA SOLO IN NEGOZIO

Includi nella lista dei desideri
Includi nella lista dei desideri
Categorie: , Product ID: 2956

Descrizione

NOME: Taralli con Uvetta e Cipolla

ZONA DI PROVENIENZA: Puglia (Alberobello)

INGREDIENTI: Farina di GRANO tenero 00, vino bianco (contiene solfiti), olio di oliva, sale, uvetta, cipolla

ALLERGENI: Prodotto in uno stabilimento che utilizza LATTE, UOVA, SESAMO, ARACHIDI e FRUTTA CON GUSCIO (per cui potrebbe contenere tracce di tali alimenti).

CONSERVANTI: Non presenti

FORMATO: 350 gr

ABBINAMENTO: I taralli con Uvetta e Cipolla sono una vera delizia per il palato da sgranocchiare in qualsiasi situazione, come snack o aperitivo, accompagnati da un buon bicchiere di vino. Ottimi da assaporare accompagnati dalle Olive di Cerignola ed un buon Prosecco o un Franciacorta. Si sposano bene anche con i vini bianchi come lo Chardonnay e il Vermentino, vini rosati e vini rossi rigorosamente pugliesi come il Primitivo, il Negroamaro oppure il Nero di Troia.

CURIOSITÀ: Assaporarli con il vino, in compagnia, permette di creare un’atmosfera conviviale ed amichevole secondo il detto “Finire a tarallucci e vino”. Infatti, questa è un’espressione, un modo di dire che prevede l’abbinamento dei tarallucci al vino per indicare che una cena, un pasto oppure un incontro è finito in maniera piacevole e felice.

Seguici e metti like:

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Taralli friabili con Uvetta e Cipolla – Casedda a Cummersa”
Telefono: 0689237232
Roma, 00165
Via Innocenzo XI, 48